Stanze della Memoria | Istituto Storico della resistenza Senese | Siena
 

Una volta al potere, il fascismo organizza una articolata opera di inculturazione, ritagliando ruoli precisi per i bambini, i giovani, le donne. “Ho bisogno di nascite, di molte nascite”, aveva proclamato Mussolini. E anche: “La donna deve obbedire. Nel nostro stato essa non deve contare”. “Donne fasciste: voi dovete essere le custodi dei focolari”. “La guerra sta all’uomo come la maternità sta alla donna”.